giovedì 7 marzo 2013

Gli assoluti della paura

«Tenere tanto a qualcosa, al punto di rinunciarvi. Sciocco, eh?»
«Per nulla. È la paura di fallire, di rovinare tutto per sempre. Il problema non è il fallimento né la paura, è il "tutto" e il "per sempre". Le idee sono fatte di assoluti, la vita no. Tieni tanto a qualcosa? Disamorati di quest'idea, tirala giù dal piedistallo, sporcala con la tua imperfezione. Smetti di fare l'innamorata e amala veramente».

3 commenti:

  1. La paura del cambiamento.
    Tiella a bada, che poi "rientrerà" anche essa.

    Sta andando tutto bene da anni, perché non dovrebbe andare bene ora?
    E se proprio andasse male, almeno c'hai provato!

    Ma non andrà male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Peppone, la paura del cambiamento era nel post precedente. Quando l'autrice è fifona, c'è una buona paura per tutto!

      Grazie, in ogni caso! ;)

      Elimina
  2. Bisogna esorcizzare...si, va bene anche sporcare! ;)

    RispondiElimina